Una quotidiana via crucis

Responsabile di tutto. C’è chi darebbe chissà cosa per esserlo. Per me è una pressione continua, a volte insopportabile. Potrei dire al cardinale: vorrei andare a Loreto, farò il predicatore, il direttore d’anime. Starei su un colle incantato affacciato sul Conero e l’Adriatico, le case senza tempo di Recanati, Osimo, Castelfidardo.

Fabrizio Centofanti

Pubblicato novembre 19, 2009 da allombradellaluna in diari

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: