Lo sguardo di Antigone

….

Mai come in questi giorni, per ragioni pubbliche e private, le parole di Cristina Campo, al secolo Vittoria Guerrini, svelano il loro sguardo profetico, forte della lucida visionarietà così come della pazienza dell’inattuale. A leggere carta stampata, titoli a scorrimento sui notiziari televisivi che riportano dichiarazioni semiufficialperentorie in attesa di smentite, pigolii polverosi di stelle del blog, invettive incontinenti nei post-commenti, scatta immediatamente l’associazione con il significato del detto tedesco Papier ist geduldig, ovvero “Se ne scrivono tante!”, “Si possono scrivere impunemente le più grandi sciocchezze”. Il linguaggio metaforico, tuttavia, stuzzica la mente e mi suggerisce una lettura apocrifa del modo di dire. Nel caso degli scritti di Cristina Campo, la carta è paziente, sa attendere chi ne vuol cogliere, anche a distanza di tempo, il canto pacato e fermo, mai urlato, lo sguardo attento, il rigoroso esercizio della mediazione.

Anna Maria Curci

Pubblicato luglio 27, 2009 da allombradellaluna in poesia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: