E nell’attesa vuota

Nella sua erranza
le sembrava di essere all’interno
di un tamburo percosso da un folle,
un’esile transitoria ghiandola,
un’apnea di sangue,
diffratta
nell’assoluta latitanza del salvifico.
Al dire -bianco- del silenzio
ribatteva – lei -con lapidei
florilegi argomentali,
costretta alla bellezza gelida dell’alabastro
tra le ossa biancheggianti fra i rovi
( e nell’attesa – vuota –
che la iconostasi si aprisse)

Villa Dominica Balbinot

Pubblicato aprile 14, 2009 da allombradellaluna in poesia

Taggato con

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: